Durante il percorso · Trasformazione · Varie

Confusione / Cambiamento

Ecco uno di quei momenti che vorrei tanto evitare, ma sono anche i momenti della vita in cui di solito ci si trasforma e si va verso una vita migliore.

Quando una persona deve fare un salto ma non ci riesce si trova davanti ad un bivio, rimanere dov’è oppure affidarsi e saltare o trovare una via alternativa.

Ora devo affidarmi e saltare altrimenti butto via più di tre anni di lavoro. Ma la mia testa e il mio corpo vorrebbero solo fuggire da questa situazione, mollare tutto e cercare di intraprendere la vecchia strada di sopravvivenza.

Mi sento persa, confusa, tramortita, come se mi avessero strappato qualcosa a cui tenevo molto e che non è possibile recuperare, ma una piccolissima parte di me si sente più leggera.

Gli ultimi mesi sono stati pesanti e difficili, mi dicono tutti che è il momento di svoltare per riprendere a vivere e affrontare tutto in modo più leggero ma ad un livello più profondo. Non riesco ad immaginare come possa continuare questa avventura mettendo da parte tutto, ma forse è solo la fase iniziale perché questa volta non ho molta scelta o mi fermo o salto, l’out out è arrivato per il mio bene immagino.

Mi sento a pezzi come se avessi combattuto una lunga battaglia che si sta concludendo ed ora gli obiettivi non ce li ho più presenti, sono cambiati o forse sono sempre gli stessi ma semplicemente non li vedo più o non ne sono più consapevole. Ho perso la bussola sto andando avanti come un computer.

Ho una settimana di tempo per ricompormi, trovare argomenti, confrontarmi con mio marito per poi affrontare nuovamente lo psicologo e prendere la decisione finale.

Stasera un pochino di relax con una testimonianza in associazione di una mamma che incontra sua figlia e il suo percorso. Ci saranno spunti per parlare con calma (visto anche il weekend lungo) dell’adozione con mio marito e decidere se proseguire col percorso adottivo e con lo psicologo. Anche se ho già il presentimento che saranno parole al vento come al solito dove io passo come una persona troppo apprensiva, che si preoccupa troppo di una cosa che potrebbe non avvenire e che i problemi si affrontano al momento e non prima. Tutto il contrario di quello che ti insegnano i percorsi adottivi.

Avrei bisogno di qualcuno che mi indichi la strada o almeno i pro e contro, ma so che dovrò cavarmela da sola perché nessuno può dirmi cosa è giusto fare per me.

L’unica cosa che potrebbe far svoltare qualcosa potrebbe essere l’inizio del volontariato, ci metterebbe alla prova e soprattutto ci farebbe trovare le falle che ci investono come futuri genitori. Dovevano contattarci a Febbraio ma per ora l’associazione non si è ancora sentita. Vedremo se questa esperienza arriverà in tempo.

Concentriamoci sull’immediato ora…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.